Strategia di sviluppo

Il Gruppo SEA persegue lo sviluppo delle diverse aree di business attraverso l’efficientamento dei processi e lo sviluppo della capacità di gestione del traffico passeggeri e merci, ritenendo che eventuali rallentamenti del traffico aereo internazionale, connessi a fasi di complessità contingente, non compromettano il trend di crescita del settore nel medio-lungo termine.

In tale contesto il Gruppo SEA ritiene possibile un’evoluzione positiva dei propri margini operativi lordi, ove il contesto di riferimento non registri significative modifiche, considerando anche i benefici derivanti dall’applicazione dei nuovi livelli tariffari previsti dal Contratto di Programma. In considerazione delle specifiche caratteristiche delle singole aree di business in cui opera, SEA ha elaborato strategie differenziate per business unit.

Al fine di perseguire tali strategie SEA prevede di realizzare investimenti per lo sviluppo delle infrastrutture aeroportuali, di accrescere i diversi servizi offerti agli utenti aeroportuali nei comparti in cui opera direttamente e indirettamente il Gruppo e di garantire al contempo sempre più elevati standard di sicurezza, qualità e rispetto dell’ambiente.

Strategia di sviluppo per la Business Unit Aviation

Nel corso del 2014 è stata ulteriormente rafforzata la politica commerciale Aviation di SEA, con specifiche attività finalizzate a incrementare il traffico e la rete di collegamenti, sia con l’acquisizione di nuovi vettori, sia con la crescita dell’operatività di quelli già operanti, nell’ottica di una sempre migliore connettività degli aeroporti e a servizio della catchment area di riferimento.

La strategia di sviluppo SEA è orientata all’individuazione e acquisizione di nuovi vettori extra europei, che operino principalmente su grandi hub con un ampio portafoglio di connessioni e contestualmente all’ampliamento del network europeo e domestico, stimolando gli operatori già presenti a effettuare nuovi investimenti e cercando altresì di cogliere nuove opportunità, sia tra gli operatori legacy sia nell’ambito dei vettori low cost.

Una particolare attenzione viene dedicata al comparto cargo, con l’obiettivo di attrarre nuovi vettori e attivare nuove rotte, anche collaborando con operatori integrati, nella prospettiva di consolidare la leadership di mercato di Malpensa, che ha gestito nel 2014 oltre il 50% dell’attività nazionale del settore aereo merci.

L’attività commerciale Aviation viene sviluppata tramite un costante, quotidiano contatto con i vettori, la partecipazione a eventi internazionali di settore e l’organizzazione di roadshow dedicati, mentre tra i principali strumenti di marketing sono stati sviluppati specifici programmi di supporto come“welcome package” e iniziative“tailor made” dirette a sostenere e comunicare i programmi delle compagnie aeree. In questo contesto, è altresì da menzionare l’intensa attività di lobbying nell’ambito dei negoziati per la revisione degli Accordi Bilaterali, con l’intento di perseguire una più ampia liberalizzazione in materia di diritti di traffico, ivi compresi i diritti di quinta libertà.

Strategia di sviluppo per la Business Unit Non Aviation

Il 2014 è stato caratterizzato dal consolidamento della strategia commerciale di SEA relativa al posizionamento dell’offerta retail su Malpensa e Linate.

In particolare, è stata completamente ripensata e ampliata l’area commerciale extra Schengen del Terminal 1 di Malpensa con l’intento di recuperare ed esaltare canoni stilistici propri della città di Milano - la Galleria Vittorio Emanuele su tutti - coniugando i valori di stile ed eleganza che vengono universalmente riconosciuti alla città.

Da una logica di lunghi corridoi con sequenza di spazi retail si è passati a una rappresentazione per “piazze”, in un contesto di attento studio del design, della luce e del fronte dei negozi.

Da questa nuova vision ne è risultata l’apertura a maggio di una prima piazza denominata “Piazza del Lusso” caratterizzata dai principali top brand già presenti nel quadrilatero della moda milanese e successivamente a dicembre una nuova area denominata “Piazza del Gusto”, per la prevalente presenza di food italiano di alta qualità, grazie alla partnership con realtà d’eccellenza del settore.

Nella stessa piazza completano il mix anche fashion brand con un posizionamento leggermente più basso di quello dell’area dedicata al lusso per coprire al meglio i vari segmenti di offerta.

Per quanto riguarda invece i parcheggi, merita di essere evidenziato il sempre più puntuale presidio marketing del business con campagne di comunicazione promozionali in occasione dei principali picchi di traffico stagionali, che ha alimentato una forte crescita del canale on line tramite il sito e-commerce.

Continuo e attento è stato inoltre il presidio del canale Business to Business  e l’individuazione di nuove modalità di vendita in un’arena competitiva molto agguerrita e affollata.

Strategia di sviluppo per la Business Unit  Energia

Il Gruppo SEA, attraverso SEA Energia, intende continuare ad assicurare l’autosufficienza energetica (termica ed elettrica) di entrambi gli aeroporti di Milano utilizzando un sistema di produzione a basso impatto ambientale, quale quello cogenerativo adottato dalle centrali di cogenerazione. Il Gruppo, attraverso SEA Energia, dispone di Certificati verdi che confermano le suddette caratteristiche degli impianti utilizzati. Relativamente alla quota di energia venduta a terzi, derivante dal surplus di produzione rispetto al fabbisogno energetico degli aeroporti, SEA intende perseguire la politica volta all’individuazione di ulteriori clienti finali con cui sottoscrivere contratti bilaterali, riducendo la quota di vendita diretta sulla Borsa Elettrica, con conseguente stabilizzazione dei margini.