Risorse Umane

Il tema centrale del 2014 relativo alle Risorse Umane è stato quello del processo di riorganizzazione del settore handling del Gruppo.

In particolare, a seguito della decisione della Commissione Europea, il contributo delle Risorse Umane alla definizione del nuovo assetto societario in ambito handling si è concentrato su:

  • Rightsizing dell’organico con l’obiettivo della salvaguardia occupazionale: il corretto dimensionamento dell’organico di Airport Handling, garanzia di una sostenibilità economica-finanziaria della società in start up, ha determinato un esubero di personale.
    La soluzione individuata, particolarmente complessa, ha previsto l’attuazione di diversi percorsi tra i quali:
    • processi di riqualificazione del personale per la copertura di esigenze di nuovo organico all’interno della Capogruppo (nuovi servizi security). È stato, in questo senso, progettato e avviato un percorso di riqualificazione di 141 persone provenienti da mansioni dell’handling, di cui circa 100 alla nuova professione di “addetto security” con certificazione di Guardia Particolare Giurata;
    • procedura di mobilità volontaria con incentivo all’esodo. Il piano ha riguardato 408 persone tra SEA e SEA Handling nel periodo giugno-dicembre 2014;
  • Dialogo con le organizzazioni sindacali;
  • Comunicazione alle persone sulla piattaforma intranet, con la predisposizione di una sezione di SEIinSEA espressamente dedicata al tema SEA Handling, che ha raccolto note, articoli e commenti;
  • Execution delle azioni definite che, nel periodo da settembre 2014 a dicembre 2014, ha previsto la cessazione e la relativa assunzione di 1.744 persone nella start up di Airport Handling.

Pur in uno scenario critico, sono proseguite, in continuità con quanto realizzato nell’anno precedente, le attività di sviluppo professionale e formazione e quelle di ingaggio.