Formazione

La formazione erogata al solo personale SEA, passa dalle 11.816 ore del 2013 alle 7.698 del 2014.

La riduzione del totale del monte ore complessivo di formazione erogato nel 2014 rispetto al 2013 è da imputarsi in particolare alla sospensione di interventi di natura manageriale, dedicati soprattutto alle categorie dirigenti e quadri, dovuta alla decisione di dare priorità alle operazioni di riassetto societario.

Per quanto riguarda la qualifica operaia, il delta è dovuto all’impatto nel 2013, in termini di investimento formativo dei corsi di aggiornamento della lingua inglese per le attività PRM (Passengers Reduced Mobility).

Numero medio annuo di ore di formazione pro-capite per categoria professionale

Numero medio annuo di ore di formazione pro-capite per categoria professionale

Nota: i dati non comprendono le ore di formazione mandatoria e sono riferiti a SEA.

Fonte: SEA

La formazione non mandatoria del 2014 rappresenta complessivamente il 31,4% dell’intero monte ore erogato.

Rispetto alla formazione non mandatoria del 2013, pari al 34,5% del totale ore formazione, si osserva nel 2014 una lieve diminuzione del numero di ore erogate.

Nel 2014 su tutte le categorie si rileva un numero medio di ore di formazione (al netto di quella mandatoria) in diminuzione del 31% rispetto al 2013.

Numero medio annuo di ore di formazione pro-capite per genere 

Numero medio annuo di ore di formazione pro-capite per genere

Nota: i dati non comprendono le ore di formazione mandatoria e sono riferiti a SEA.

Fonte: SEA

Anche nel 2014 si rileva un maggior numero di donne coinvolte negli interventi formativi rispetto agli uomini. In particolare, si nota un netto decremento nel numero medio pro-capite di formazione per la popolazione maschile nel 2014.

Relativamente alla formazione comportamentale e professionale, sono state erogate un numero di ore maggiore alla popolazione femminile rispetto a quella maschile. In particolare, due i principali progetti che spiegano questa differenza: il primo ha riguardato iniziative formative rivolte alle donne a seguito dell’indagine sull’equità di genere condotta in SEA nel 2013; il secondo, “Chinese Friendly Airport”, ha riguardato il personale addetto al front end, connotato da una preponderante presenza femminile.
Anche per la formazione tecnico-professionale, i maggiori investimenti in termini di ore di formazione erogata hanno riguardato personale di front end, quindi a prevalente presenza femminile.

Formazione mandatoria 

I principali progetti per l’anno 2014 riferiti alle aree Safety e Safety aeroportuale sono riassunti di seguito:

  • “SEA Lavoro in Sicurezza - Attrezzature” in coerenza con le indicazioni del T.U. 81/2008 e secondo quanto previsto dall’Accordo approvato dalla Conferenza Stato Regioni il 22 febbraio 2012, nel 2014 è stata sviluppata la mappatura delle risorse da avviare al completamento della formazione mandatoria specifica dedicata alle Attrezzature ed è stata avviata l’attività di programmazione delle sessioni teorico-pratiche dedicate a Carrello Elevatore e Piattaforme di Lavoro Elevabili. Nei due training center di Linate e Malpensa le partecipazioni per la sola SEA sono state oltre 100 su un totale di oltre 1.000 partecipazioni. La programmazione continuerà nel 2015, con l’aggiunta delle altre tipologie di attrezzature previste, coinvolgendo un numero sempre più elevato di risorse.
  • “Corso Antincendio a Rischio Elevato e Aggiornamento” – relativo alle attività formative espressamente richieste in coerenza con le linee guida e secondo quanto prescritto dal D.M. del 10/03/1998 e successive specifiche; i partecipanti ai corsi sono stati oltre 300, la formazione teorica si è tenuta presso le sedi di Linate e Malpensa, mentre l’addestramento pratico e gli esami di certificazione con i Vigili del Fuoco si sono svolti presso il Campo Prove di Addestramento Antincendio a Malpensa, per il quarto anno di attività, con oltre 2.000 ore di formazione erogate.

I training center di Linate e Malpensa sono stati impegnati, inoltre, nell’erogazione di corsi di formazione in ambito safety aeroportuale per il rilascio della Patente Aeroportuale per la guida di mezzi elettrici o a motore all’interno dell’aeroporto, e aviation security, per corsi legati al Programma Nazionale di Sicurezza necessari al rilascio del tesserino aeroportuale.

La normativa vigente assegna al Gestore Aeroportuale il compito mandatorio di erogare il servizio di assistenza dei passeggeri a ridotta mobilità. Di grande rilievo quindi il percorso formativo dedicato agli addetti all’Assistenza dei passeggeri PRM, (Passengers Reduced Mobility), in base a quanto previsto dal Testo Unico 81/2008, dal regolamento CE 1107/06 e dalla European Civil Aviation Conference.

La formazione medico-specialistica, attraverso l’acquisizione delle competenze di base nelle tecniche di mobilizzazione da applicare in ambito professionale, si prefigge di sviluppare la responsabilità e consapevolezza degli addetti ponendo il focus sul ruolo fondamentale del fattore umano. Sono stati inoltre programmati efficaci interventi formativi volti a fornire validi strumenti di comunicazione e di gestione dei rapporti interpersonali comprensivi di elementi base di lingua inglese calati nella realtà aeroportuale. I partecipanti nel 2014 sono stati 65.

Infine si segnala l’importante impegno organizzativo in condivisione e collaborazione con i referenti di Security per l’attuazione del percorso abilitante alla mansione di Addetto Security, dedicato al primo gruppo di oltre 100 risorse ricollocate in SEA nel 2014. In aggiunta alla formazione tecnica teorico-pratica specifica del settore, sono state programmate sessioni formative e di aggiornamento dedicate a diversi aspetti e che rappresentano una notevole opportunità di crescita professionale per la persona: assessment sulle potenzialità individuali, counseling dedicato alla gestione del cambiamento, customer orientation, corsi di lingua inglese basic e intermediate con insegnanti madrelingua e mini-corsi english for security propedeutici all’acquisizione della terminologia tecnica adeguata, radioprotezione, ground safety, formazione antincendio, PRM e patente aeroportuale. La programmazione dei corsi continuerà nel 2015 in previsione di un ulteriore rafforzamento dell’organico in area Security.